CONCORSONE

Scritto da RobCor in il Misfatto
5 Commenti »

Il concorsone del Misfatto

di Roberto Corradi

Kermesse sanremese. Qualcuno doveva dirlo. Ecco fatto, tolto il pensiero, invochiamo la par condicio: perché mai, signori della Giuria, altrimenti detti lettori e amici, perché mai, si diceva, solo i cantanti in questo Paese gareggiano? Perché? Sono forse solo essi, nevvero, a sgolarsi per inseguire leggende? Sono solo costoro a sudare come suini per argomentare tesi eteree? Sono solo Battiato e Pezzali a rifa’ sempre la stessa canzone? No, signori, no!! E Belpietro? No, dico, Belpietro dove lo mettiamo? Probabilmente insieme a Cicchitto. Quindi in posti da frequentare con cautela. E Rotondi? Vogliamo parlare di Rotondi? Vogliamo farlo evitando querele? Allora, perché farlo?… ci direte.


Il punto è che qui bisogna usare stessi pesi e stesse misure. Ogni giorno vediamo sfilare gli stessi volti, molto spesso agghiaccianti, di vassalli sguinzagliati in difesa dell’indifendibile, a sostegno dell’insostenibile. Di gente che rivendica il diritto di dire che, sì, Berlusconi era convinto che Ruby era la nipote di Mubarak! E certo! Perchè se pensi a uno ingenuo, viene subito in mente Berlusconi, quindi…


Ed è per questo che noi del Misfatto vogliamo rimettere le cose a posto! Vogliamo far gareggiare brani non diretti da Beppe Vessicchio ma scritti comunque da Berlusconi-Ghedini-Alfano celebrandone gli interpreti migliori. Anche nei loro accessori, come la capigliatura da opossum applicato sul cranio della Bernini (con supporter conforme alle spalle) o lo sguardo ammaliatore di Mario Sechi.


Scriveteci a redazione@ilmisfatto.it e votate il sondaggio e diteci chi, nella prossima settimana, si sarà distinto nell’inesauribile opera di giustificazione dell’ingiustificabile, di spiegazione dell’inspiegabile. Scriveteci, pubblicheremo le vostre argomentazioni e una raccomandazione: siate prudenti, per carità! Un abuso di Borghezio può causare danni irreversibili!



Giustificatori dell’ingiustificabile. Chi è il migliore?



View Results

 

da il Misfatto n° 51 del 20 febbraio 2011

L’articolo nel sito del Fatto Quotidiano
L’articolo di oggi di Luca Telese in risposta al Giornale (scusate per un’espressione come “il Giornale”)

FOTTOMONTAGGI

Scritto da RobCor in Senza categoria
26 Commenti »

di Roberto Corradi

Allora, prima manifestazione Santanché/Brambilla contro i magistrati. Poi no. Poi sì. Poi ri-no. E vabbè. Poi Federalismo fiscale. E se non passa, si vota: la Lega è cattiva. Poi, prima il Federalismo non passa, pareggio senza tempi supplementari. Poi invece passa perché decretano che sì e tanti saluti. Yu-uuu, festa grande. Poi invece non passa, perché Napolitano non firma. E tristezza e malinconia, per favore andate via. Quindi si va alle elezioni? No, le elezioni no. Ma prima s’era detto di sì. Embè, adesso no. Prima sì, poi no, poi ancora sì e poi di nuovo no. E il Pd chiede a Berlusconi di andarsene. Poi però no, basta un passo indietro. Poi se ne vada, poi resti. Ma col passo indietro. E Berlusconi dice: “Vabbè, allora dialoghiamo”. E quelli dicono di no. E allora lui ci ripensa e non vuole dialogare più, brutti schifosi. E via di nuovo col tango, due passi avanti, due passi indietro e, se c’è l’orchestra, anche un bel caschè. Olè. Poi le cene arcoriche sono solo generosi gesti di sociale filantropia. Sì, e chi ce crede? No, no. E’vero! Stanno lì che si vedono “La Principessa Sissy”. Poi, invece, voilà le foto di Berlusconi col citofono in bella vista. E Ghedini dichiara: “Non è vero, non esistono”. Poi invece esistono. Allora se esistono, sono finte. Sono fotomontaggi. Porno. Praticamente fottomontaggi riconoscibili dal fatto che il citofono di Berlusconi è del tutto diverso. Lo possono comprovare foto simili prese in anni non sospetti. E il rito, intanto, è immediato. E’immediato, immediatissimo. Non si può aspettare. E’quasi una pulsione sentimentale. Ar-core non se comanda! Però comunque vogliamo Spinelli. Quasi una rivendicazione sessantottina. Spinelli no, il Parlamento non autorizza. Ah no? Non autorizza? Chi se ne frega, lo facciamo lo stesso. E però facciamolo, ragazzi. E’un mese che stiamo tutti qui che aspettiamo ‘sto rito immediato. Che è sempre la prossima settimana. La prossima settimana, quando? La prossima settimana, a prescindere. Tu aspetta qui ché se arriva il rito immediato te ne accorgi perchè Minzolini si sarà messo a parlare di apicultura, delle novità nel campo dei badili e di Sandy Marton. Che arreda. E siamo qui, come d’autunno sugli alberi le figlie. Di Mubarak. In attesa di una rivoluzione che non arriva, viaggia con un certo quantititativo di ritardo. Perché, quando c’era lui, i treni arrivavano in orario. Sì, ma in posti sbagliati. Adesso che c’è l’altro, manco partono. Aspettiamo, prima o poi qualcosa succederà. Pubblicità: non andate via!

da “il Misfatto” n° 49 del 6 febbraio 2011

Realized by Drimcamtrù | XHTML - CSS
Feed RSS Commenti RSS Login